Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
PDP - PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI CON DSA
Il PDP come il PEI (Piano Educativo Individualizzato) è un altro strumento di personalizzazione della didattica, previsto prima dalle linee guida in attuazione della legge 170/2010 sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) e poi dalla Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012  "Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e  organizzazione  territoriale  per  l’inclusione  scolastica”. Si differenzia dal PEI perché è concepito per alunni il cui livello di sviluppo non rientra nell'ambito di applicazione della legge 104/92 e che in genere necessitano di strategie mirate di intervento in aree circoscritte dell'apprendimento. In questi casi non dovrebbe essere prevista la figura dell'insegnante di sostegno - ma il condizionale è d'obbligo per una serie di motivi che qui, per brevità, evitiamo di elencare - e l'elaborazione dovrebbe avvenire collegialmente all'interno del consiglio di classe. Per questo il PDP è strutturato in maniera tale da evidenziare gli strumenti compensativi e le misure dispensative che rendono accessibili all'alunno i contenuti dei diversi saperi curricolari, mettendolo in condizioni di raggiungere gli stessi traguardi dei suoi compagni.
Quando trattiamo del PDP possiamo parlare sia di personalizzazione che di individualizzazione dell'apprendimento, in quanto metodologie, tempi e strumenti devono essere diversificati ma non gli obiettivi (a differenza di quanto avviene nel PEI per gli studenti Diversamente abili con programmazione differenziata).
La difficoltà per i ragazzi con DSA non è nella capacità cognitiva di apprendere ma nell’abilità di saper accedere alla conoscenza attraverso i “normali” canali o strumenti.
Il PDP, in ultima istanza, è un contratto tra famiglia, scuola e istituzioni socio-sanitarie, per organizzare un percorso mirato nel quale vengono soprattutto definiti gli strumenti compensativi e dispensativi che aiutano alla realizzazione del successo scolastico degli studenti con DSA. Per ciascuna materia devono infatti essere individuati gli strumenti dispensativi e compensativi più efficaci per consentire allo studente il raggiungimento degli obiettivi alla pari dei compagni.
Attualmente gli strumenti tecnologici hanno acquistato un grande rilievo: l’utilizzo sempre più frequente del computer a scuola non deve sottolineare una differenza, ma una ricchezza come strumento di lavoro per l’intero gruppo classe, a maggior ragione nel panorama attuale dove l’introduzione dei supporti informatici va via via sostituendo i tradizionali strumenti di insegnamento.
 
PERCHÉ FARE IL PDP?
Innanzitutto in quanto diritto garantito dalla legislazione agli studenti con DSA.
Sul piano pratico è inoltre uno 
strumento importante per monitorare il percorso scolastico dello studente con DSA e documento ufficiale e vincolante in sede di esami di stato o passaggio da un ordine di scuola all’altro. Tutto ciò nel garantire le pari opportunità e il pari diritto allo studio per ogni persona.
Compito di ogni scuola è dimostrare di aver messo in atto tutte le misure previste dalla legislazione per consentire agli studenti con DSA il raggiungimento degli obiettivi minimi per ogni area disciplinare
 
CHI DEVE REDIGERLO?
Il PDP viene redatto dal consiglio di classe una volta acquisita la diagnosi specialistica e dopo aver ascoltato la famiglia e, laddove è necessario, gli specialisti, in un’ottica di dialogo e di rispetto delle diverse competenze e specificità.
Nella fattispecie:
Il coordinatore ha il compito di incontrare la famiglia e raccogliere le informazioni sull’alunno, redigere una sintesi della diagnosi e mantenere i contatti con la famiglia.
I singoli insegnanti devono, in riferimento alla loro disciplina, compilare la parte del documento con le proprie osservazioni, gli strumenti compensativi e dispensativi che intendono adottare e le modalità di verifica e valutazione che metteranno in atto.

 
CON QUALI TEMPI?
Il PDP deve essere redatto all’inizio di ogni anno scolastico, entro la fine del mese di novembre, per gli studenti con già in atto un percorso, o su segnalazione della famiglia laddove si inizia un rapporto nuovo con l’istituzione.
 
IL PERCORSO PREVEDE QUINDI
  1. la presa in considerazione della stesura della diagnosi;
  2. un incontro conoscitivo tra il coordinatore di classe, la famiglia, il dirigente scolastico e/o un suo delegato per raccogliere tutte le informazioni;
  3. un incontro fra i docenti per la predisposizione e la distribuzione dei moduli da compilare;
  4. la sottoscrizione del documento da parte dei docenti e dei genitori dello studente.
Il PDP deve essere verificato almeno due volte all’anno, in sede di scrutini.
 
I CONTENUTI DEL PDP
  1. I dati generali con l’analisi della situazione dell’alunno;
  2. Il livello delle competenze raggiunte nelle diverse aree disciplinari;
  3. gli obiettivi e i contenuti d’apprendimento previsti per l’anno scolastico e la metodologia con le misure compensative e dispensative
  4. le modalità di verifica con le misure compensative e dispensative;
  5. la valutazione in itinere e finale con le indicazioni sul come viene effettuata;
  6. rapporti con la famiglia, con particolare riferimento alla parte dei compitida svolgere a casa.
 
I DESTINATARI
Il PDP deve essere consegnato alla famiglia dello studente con DSA.
E’ infatti uno strumento indispensabile per poter attivare tutta la rete che sta intorno e deve sostenere il processo di apprendimento dello studente con DSA. Nella progettazione sono infatti presenti le modalità di accordi tra scuola e famiglia.
In particolar modo:
  1. Modalità con cui vengono assegnati i compiti da svolgere a casa;
  2. Quantità dei compiti assegnati;
  3. Scadenze con cui i compiti devono essere consegnati, evitando, soprattutto quando ci sono verifiche, sovrapposizioni o sovraccarichi;
  4. modalità di presentazione e di esecuzione dei compiti.

 
SCHEMA DI SINTESI PDP
Nello schema che segue sono riportate in sintesi, le finalità per il quale nasce il PDP, le parti che lo compongono e i soggetti coinvolti nella compilazione.

 


 

Liceo Artistico Statale per Adulti

Materiale didattico

Vai all'inizio della pagina